Il codice identificativo per gli affitti brevi online è da poco legge in Lombardia con due mesi di tempo per adeguarsi ma il Governo sta già pensando di estendere questa pratica a livello nazionale.
Lo conferma il ministro del turismo Gian Marco Centinaio che, come riportato dal Sole 24 ore, ha dichiarato: «Stiamo lavorando ad un progetto per far sì che chi lavorerà in legalità verrò fornito di un codice identificativo e quindi potrà promuovere e vendere le proprie strutture anche sui siti on line, chi invece non avrà il codice identificativo vorrà dire che sarà un abusivo».

E dovrà pagare sanzioni salate: «L’obiettivo è dare le stesse multe dell’Inghilterra (dove una norma simile è già in vigore): 100mila euro di multa a chi opera senza codice identificativo».  Una cifra di molto superiore a quella prevista dalla Lombardia, dove la multa è di 2500 euro, e che secondo Centinaio dovrebbe dissuadere e scoraggiare gli abusivi.

Secondo il ministro facendo riemergere il sommerso l’Italia potrebbe raddoppiare i 40 miliardi di introiti che arrivano attualmente dai turisti stranieri.
La misura è diventata urgente in seguito al flop della cedolare secca, la tassa del 21% sugli affitti brevi voluta dal precedente governo: il gettito atteso era di 83 milioni di euro ma ne sono entrati solo 19 milioni dopo il rifiuto delle piattaforme e il ricorso alla giustizia amministrativa.

Ultime notizie

Prosegue la strategia di crescita di TAP Air Portugal, che dopo l’attivazione la scorsa estate delle operazioni su Firenze, ora annuncia il lancio per la...

The Luxury Collection, parte di Marriott International, Inc., ha recentemente annunciato l'apertura dell'Hôtel de Berri, a Luxury Collection Hotel, Paris. Di proprietà della famiglia Dokhan,...

Media Partnership