Hoepli, storica casa editrice fondata nel 1870 a Milano, ha in programma per il 2019 di dedicare una collana di manuali al digital marketing per il settore dell’ospitalità, per approfondire nel dettaglio strategie, tecniche e strumenti per promuovere il turismo e la ristorazione sui canali online.
La collana si chiamerà Digital Marketing Turismo (DMT) e ne abbiamo intervistato la curatrice: si tratta di Nicoletta Polliotto, esperta di food & restaurant marketing, autrice e conference speaker nel mondo Travel e Digital Food Marketing. Nicoletta come autrice ha già due manuali di digital marketing all’attivo, l’ultimo proprio con Hoepli, pubblicato a inizio 2018: “Digital Food Marketing. Guida pratica per ristoratori intraprendenti”.

Nicoletta, da autrice a curatrice, come nasce questa scelta?

Buongiorno Domenico e un saluto ai lettori di WebItMag.  Ti devo confessare che il 2018 è stato un anno folgorante: il 6 Aprile è uscito il mio libro “Digital Food marketing. Guida pratica per ristoratori intraprendenti” manuale che sta dando grandi soddisfazioni anche alla casa editrice Hoepli Editore.

In contemporanea con il mio è uscito “Web marketing turistico e oltre” di Michela Mazzotti dedicato all’accoglienza nell’era digitale. Ho iniziato ad avere una visione sempre più chiara: era nata una mini serie che si doveva trasformare in un Serial Tv con moltissime stagioni! Mi sono messa al lavoro ed è nato il progetto di Collana dedicata al turismo, un turismo nuovo che finalmente guardasse al futuro e non al glorioso passato. Ne è scaturito un percorso di letture che non si esaurisse con la presentazione di una tecnica, fatta di regole d’oro, tricks e stratagemmi per riuscire a superare la bufera, navigando a vista.

Il progetto ha entusiasmato Hoepli Editore e grazie ad Andrea Sparacino, che è il responsabile editoriale della casa editrice, si è tramutato in realtà: io sarò invece la curatrice della nuova collana dedicata all’ospitalità, per la ricerca di nuovi titoli con un fil rouge: costruire un percorso praticabile e fruttuoso per gli operatori dell’ospitalità, dalla progettazione dell’esperienza dell’ospite a un nuovo approccio di promozione digitale. Immagino un turismo convergente, che non crei divisioni ma includa destinazioni, hotellerie, extra alberghiero e ristorazione tra evoluzione tecnologica e cultura digitale.

Perché una collana dedicata all’ospitalità?

Perché in Italia quando si parla di turismo o si intende una collezione di guide turistiche più o meno vetuste o si fa riferimento a trattati e libri scolastici molto accademici e old style. Nella migliore delle ipotesi troviamo una serie di manuali che spiegano passo passo come costruire il sito web o aprire una pagina su Facebook.

All’imprenditore italiano che si occupa di accoglienza non servono tutorial: non dobbiamo insegnargli a montare un elettrodomestico o a installare un software. Occorre fornire solidi contributi per la crescita del tessuto economico e culturale di questo comparto. E per farlo necessita tessere trame e orditi. Visioni e Buone pratiche. Strategie e Casi di studio per verificare i sentieri battuti da altri albergatori e i risultati conseguiti. Senza sestante navighi a vista, senza remi non ti sposti di un miglio.

Quante uscite sono previste per la prima stagione? Possiamo spoilerare il nome del primo autore?

Partiamo con il primo libro a Marzo 2019 e, non a caso, affrontiamo un tema provocatorio ma volto ad allargare gli orizzonti del professionista dell’accoglienza: la sharing economy e modelli e strategie a essa riferiti che stanno contagiando l’accommodation mainstream. Partire dall’extra alberghiero per parlare di turismo in Italia è una scelta coraggiosa ma vogliamo far comprendere come un approccio convergente – grazie alle nuove opportunità di tecnologia e digitale – non crei competizioni sleali ma arricchimento reciproco. L’autore è una figura di riferimento per il turismo in Italia. Domenico Palladino, ti ricorda qualcuno? 🙂

Usciranno 3/4 titoli all’anno, centellinati ma incalzanti, con un ritmo sostenuto, molto jazz! Procederemo dal panoramico al dettaglio. Come si diceva, stiamo selezionando i migliori specialisti di marketing digitale e management del turismo e anche di molte branche del sapere che stanno infiltrandosi profittevolmente nel nostro mondo: dalla psicologia all’antropologia, dal marketing di prodotto alla progettazione. Spesso sono autori al loro primo libro quindi con una forza innovativa e una carica di contenuti e di idee ritengo esplosiva. In altri casi abbiamo scrittori e tecnici veterani della scrittura manualistica ma con argomenenti inaspettati e approcci rinnovati.

I volumi (di circa 250/300 pagine) utilizzano un linguaggio semplice e divulgativo, nell’accezione più pura del termine, sapiente mix di teoria e pratica, di visione e delucidazione sugli strumenti, di strategie e idee da applicare nella propria azienda turistica o ristorativa. Sono tutti titoli accuratamente selezionati. Inizieremo con testi più panoramici per approfondire man mano, con un vero e proprio percorso. Speriamo che divengano titoli imperdibili, da collezionare come tasselli di un formidabile disegno: la crescita personale e professionale dell’imprenditore turistico. Non mancheranno sorprese internazionali.

Quali argomenti saranno trattati? Puoi anticiparci qualche altro titolo?

Si accennava al tuo libro dedicato al marketing per l’extra alberghiero, che racconta come destinazione e mondo alberghiero possano risultarne coinvolti vicendevolmente e contagiati. Stiamo lavorando a un altro titolo sulla strategia digitale applicata al nostro comparto. Ma sono in arrivo sorprese che non posso spoilerare: uniranno i lettori di tutto l’arco produttivo, dagli chef ai direttori d’albergo, dai receptionist alle DMO.

Hoepli ha già pubblicato diversi volumi sul tema all’interno di altre collane: focalizzando l’attenzione sull’ospitalità che risultato si pensa di ottenere?

Come dimenticare le tante opere di Giorgio Castoldi, che hanno formato tutti noi? Ma anche Social Media Marketing per il turismo di Ejarque e Creare offerte turistiche vincenti con Tourist Experience design® di Rossi, Goetz. Utilissimi poi molti libri di colleghi con riferimenti metodologici facilmente applicabili anche al turismo (Federica De Stefani, Miriam, Bertoli, Luca Conti, Cristiano Carriero,…). Erano maturi i tempi per declinare un’intera collana all’accoglienza, in modo strutturato, metodico e man mano completo ed esaustivo per l’operatore del turismo.

Abbiamo dovuto per troppo tempo leggere libri generici e cercare di applicarli all’accoglienza! La nostra sapiente ospitalità italiana ha il diritto e anche il dovere di aggiornarsi, con opportunità editoriali aggiornate, innovative e a essa dedicate.

Il settore dell’ospitalità sta evolvendo molto rapidamente: un libro stampato può oggi cogliere questi mutamenti o rischia di essere sorpassato dagli eventi?

Il rischio c’è ed è sempre in agguato, inutile negarlo. Soprattutto è insito nel manuale puro: tutto tutorial e how to do, quello con le schermate passo passo per intenderci. Non pensiamo che oggi abbia senso proporre una guida per configurare la tua pagina aziendale sul social media di turno. Avrebbe un grado di obsolescenza troppo elevato.

In questo momento l’operatore dell’hotellerie necessita di acquisire una maggiore lucidità strategica; quello della ristorazione e del food deve raggiungere consapevolezza e cultura d’impresa e digitale. Dobbiamo far comprendere “Come?” ma anche e soprattutto “Perché?” sia necessario investire in formazione e rimettere il discussione identità, strategie e metodi di lavoro.

I libri saranno in bilico tra saggio (valori, visione, analisi, strategia, dati e tendenze del mercato) e manuale (applicabilità dell’analisi alla quotidianità del lavoro). Questo ci mette anche al riparo dal divenire superati nello stesso istante in cui si va in stampa. Inoltre saranno previsti i debiti aggiornamenti con ristampe e riedizioni, quando necessario.

Chi sono i lettori a cui si rivolge la collana?

Penso ai lettori come a giovani che studino la materia, colleghi che vogliano confrontrasi con altre visioni ed esperienze ma su tutti OPERATORI che debbano acquisire consapevolezza, conoscenza, visione, strumenti e anche un briciolo di motivazione e di coraggio che visti i tempi e la nostra condizione nazionale non guastano!

Quindi, cercando di elencarli esaustivamente: ristoratori, albergatori, proprietari di case vacanza, imprenditori e tutti coloro che si occupano di accoglienza, di eventi, di mostre e manifestazioni culturali, guide e agenti turistici, tour operator e destination manager, consulenti alberghieri e di management ristorativo, operatori del settore trasporto turistico e tutti coloro che vogliono imparare a utilizzare meglio i canali digitali per veicolare la propria offerta di ospitalità.

Ultime notizie

Prosegue la strategia di crescita di TAP Air Portugal, che dopo l’attivazione la scorsa estate delle operazioni su Firenze, ora annuncia il lancio per la...

The Luxury Collection, parte di Marriott International, Inc., ha recentemente annunciato l'apertura dell'Hôtel de Berri, a Luxury Collection Hotel, Paris. Di proprietà della famiglia Dokhan,...

Media Partnership