Wimdu in passato è stata la migliore risposta europea ad Airbnb: fondata nel 2011 con un’interfaccia molto simile a quella del portale americano aveva raccolto in pochi anni 90 milioni di finanziamenti arrivando ad assumere circa 400 dipendenti. La storia però non è a lieto fine: la scorsa settimana il portale ha annunciato che terminerà le proprie attività a fine 2018 a causa di “significative sfide finanziarie e di business”. Motivo per cui tutte le prenotazioni effettuate fino al 31 dicembre di quest’anno saranno onorate mentre i clienti che hanno prenotato per il 2019 saranno contattati privatamente per accordarsi sul rimborso di quanto pagato. Resteranno senza lavoro i 110 dipendenti rimasti nelle due sedi di Berlino e Lisbona.

I problemi di Wimdu erano venuti alla luce a febbraio 2016: un magazine tedesco sulle startup pubblicava la notizia che il portale nonostante i cospicui finanziamenti aveva accumulato perdite per oltre 48 milioni di euro. All’epoca abbiamo provato a chiedere spiegazioni al portale tramite il loro ufficio stampa italiano: eravamo già in contatto per un approfondimento sul mondo degli affitti brevi ma dopo quella richiesta non abbiamo ottenuto né i chiarimenti né l’approfondimento.

Qualche mese dopo Wimdu annuncia la fusione con il portale 9flats. Anche in questo caso proviamo ad approfondire e scopriamo che hanno interrotto la comunicazione in Italia mentre dalla sede di Berlino non riusciamo ad ottenere risposte.
La fusione non avverrà mai: a dicembre 2016 gli azionisti di Wimdu vendono il portale a Novasol, azienda danese di affitti turistici con oltre 110mila proprietà a listino e parte del gruppo Wyndham.

A maggio del 2018 il gruppo Wyndham ha deciso di vendere la propria divisione Vacation Rentals al fondo americano Platinum Equity per la cifra di 1,3 miliardi di dollari + l’1% dei guadagni netti per l’uso del marchio Wyndham Vacation Rentals. Completata l’acquisizione l’azienda ha proceduto a una riorganizzazione delle attività aziendale dove è stato evidentemente preso atto che la situazione di Wimdu non era più recuperabile e non rientrava più nel progetto di commercializzare le case vacanza a listino con il marchio Wyndham.

 

Ultime notizie

È pronta a “salpare” la nuova programmazione 2020-2021 di Royal Caribbean International, con una flotta rinnovata secondo il piano di restyling Royal Amplified. Mantenendo la...

Andamento positivo delle vendite sul Sudafrica in casa Mappamondo, con le zone malaria free a fare da traino, grazie all’aumento della domanda da parte di famiglie con bambini, anche...

Media Partnership