E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il testo della Direttiva UE 2015/2302 del 25 novembre 2015, relativa ai pacchetti turistici e ai servizi turistici collegati. Come avevamo raccontato nei mesi scorsi la novità più rilevante è l’equiparazione tra i pacchetti turistici venduti online e quelli venduti offline in termini di garanzie da offrire al cliente.

Gli Stati aderenti all’Unione Europea avranno due anni di tempo a partire dal 1° gennaio 2016 per adeguarsi alla nuova normativa e ulteriori 6 mesi per farla entrare in vigore. Per vederla dunque operativa si rischia di dover attendere il 1° luglio 2018. Nulla vieta ovviamente agli Stati si procedere alla nuova legge prima della scadenza naturale. Come per ogni direttiva europea c’è però il rischio di interpretazioni differenti da Stato a Stato.

Ci spiega infatti Francesco Granese, direttore marketing di Seanet Travel Network: “Ci vuole sempre un provvedimento dello Stato per attuare la direttiva e difatti spesso si verifica qualche lieve difformità tra stato e stato così come avvenne nel ’95 in Italia per la prima direttiva sui pacchetti che era del ’93. Nel frattempo se si verificasse qualche contenzioso diventa (oggi) molto più semplice e lineare richiamare la nuova direttiva in attesa che lo Stato Italiano la recepisca. In altre parole è – in qualche modo – già operativa”.

Secondo le nuove regole il sito in cui viene fatta la prima prenotazione di servizi complessi, ad esempio un biglietto aereo su un’Ota o anche sul sito di una compagnia, sarà responsabile anche per i servizi collegati, come il noleggio dell’auto e la prenotazione alberghiera.

Viene dunque considerato responsabile della protezione del viaggiatore il sito di prenotazione alberghiera, aerea o di autonoleggio che per primo trasferisce i dati (nome dei viaggiatori, dettagli di pagamento e indirizzo e-mail) ad altri siti per i servizi aggiuntivi. L’estensione dei diritti riguarda tre tipologie di pacchetti viaggio: quelli pre-combinati da parte dei tour operator, che comprendono almeno due elementi fra trasporto, pernottamento e altri servizi come la macchina a noleggio; quelli personalizzati acquistati dall’utente attraverso un singolo intermediario (online oppure offline) che rimanda a diversi operatori e quelli ‘indotti’ al momento della prenotazione(quindi se si prenota un hotel o un biglietto aereo sul web e si aggiunge almeno un altro servizio entro 24 ore dalla conclusione della prima).

Per leggere il testo definitivo della direttiva europea sui pacchetti turistici seguite questo link

Ultime notizie

Blue Panorama

Si è chiusa dopo un solo mese di operatività la collaborazione tra la compagnia aerea del gruppo Uvet, Blue Panorama, e il tour operator...

Travelport e IBM hanno presentato IBM Travel Manager la prima piattaforma della business travel industry basata sull'intelligenza artificiale allo scopo di aiutare le aziende a gestire...

Media Partnership