La Commissione Europea ha approvato la proposta di Ryanair per l’acquisizione del 75% della compagnia aerea austriaca Laudamotion (di cui attualmente detiene il 24,9%). Ryanair ha stretto una partnership con Niki Lauda per offrire una maggiore scelta per i consumatori in Austria, Germania e Spagna, dove attualmente viene operata la maggior parte dei servizi di Laudamotion.

Ryanair non è però pronta a rilanciare la compagnia austriaca e in una nota stampa ha denunciato l’ostruzionismo di Lufthansa che le starebbe impedendo di proseguire nel proprio piano strategico.
Spiega infatti Juliusz Komorek, Chief Legal & Regulatory Officer di Ryanair: “Accogliamo con piacere la decisione della Commissione Europea di approvare la proposta di acquisizione di Ryanair del 75% di Laudamotion. Per questo esortiamo le autorità europee garanti della concorrenza ad agire e prevenire ulteriori tentativi da parte di Lufthansa di danneggiare la concorrenza attraverso il suo comportamento anti-consumatore”.

Secondo Ryanair, Lufthansa starebbe “tentando di rimuovere i 9 velivoli che fu obbligata a fornire a Laudamotion dalla Commissione Europea per consentirle di riavviare i suoi servizi”.
Ma non sarebbe l’unico sgarbo fatto dalla compagnia tedesca: Ryanair nella sua nota stampa ne cita almeno altri 3:

  • Lufthansa non avrebbe consegnato 2 degli 11 velivoli richiesti a seguito della decisione delle autorità europee garanti della concorrenza riguardante l’acquisizione di Air Berlin da parte di Lufthansa.
  • Alcuni degli aerei che Lufthansa si è impegnata a consegnare pare saranno resi in ritardo dopo la stagione estiva, riducendo così ulteriormente la capacità di Laudamotion di occupare slot e offrire voli e servizi nell’estate 2018.
  • Lufthansa Group avrebbe ritardato il pagamento di oltre €1,5 milioni del wet lease (noleggio con equipaggio) dovuto a Laudamotion, per i voli che Laudamotion ha operato per Lufthansa a marzo, aprile e maggio.

Per questi motivi Ryanair sta valutando di rivolgersi all’antitrust europeo per denunciare il presunto abuso di posizione dominante da parte della compagnia tedesca.
Sulla questione abbiamo chiesto una replica a Lufthansa sui punti elencati con cui aggiorneremo questo articolo.

 

Ultime notizie

Negli ultimi sette anni, ovvero dal 2011 al 2018, in Europa il Tax Free Shopping ha rappresentato uno dei principali driver di crescita del settore...

È Massimo Caravita il nuovo presidente di Fiavet Emilia Romagna e Marche. Il presidente di Wallaby Viaggi e di Marsupio Group è stato eletto...

Media Partnership