Si chiude a tempo di record la trattativa per l’acquisto di Air Berlin da parte di Lufthansa, dopo che la società della capitale tedesca ha dichiarato fallimento il 15 agosto scorso.

A meno di due mesi, infatti, Lufthansa ha chiuso l’acquisizione degli asset a cui era interessata a un ottimo prezzo: 210 milioni per rilevare 81 aerei e circa 3000 dipendenti su un totale di 144 velivoli e 8500 risorse umane. Passa al vettore tedesco anche la compagnia Niki e il suo partner regionale LG Walter. Trattative aperte sugli altri asset tra cui gli slot dagli aeroporti di Berlino Tegel e di Dusseldorf, su cui però è in lizza anche Easyjet.

L’accordo permette ad Air Berlin di rimborsare il prestito di 150 milioni del governo tedesco e chiudere le pendenze societarie e a Lufthansa di rafforzarsi con nuove risorse a prezzo di saldo, come aveva predetto Ryanair. Ora la società tedesca può guardare con interesse anche ad Alitalia per la quale scadranno a breve i termini per la presentazione delle offerte vincolanti.

Ultime notizie

Il motore di ricerca viaggi momondo.it ha analizzato i propri dati per scoprire quali sono le città italiane con il maggior numero di sistemazioni pet-friendly dove...

Presentato a Milano la scorsa settimana il Terzo Osservatorio sugli Affitti a breve termine di Halldis, società italiana leader nella locazione temporanea di immobili gestiti...

Media Partnership